Le tartarughe marine rischiano l'estinzione

Le tartarughe marine rischiano l'estinzione

Lo sapevi che le tartarughe marine sono a rischio di estinzione?

La tartaruga marina comune (Caretta caretta) è una specie diffusa nelle acque degli Oceani Atlantico, Indiano e Pacifico e nel bacino del Mediterraneo e del Mar Nero. In particolare, nel Mediterraneo, i siti di deposizione delle uova sono Grecia, Turchia, Cipro, Libia, Italia.

Le principali minacce per questa specie sono la cementificazione, il degrado delle coste e dei litorali e la pesca: le tartarughe infatti rimangono incastrate e vengono accidentalmente catturate da reti a strascico, ami dei palangari e reti fisse.

La plastica rappresenta un’altra grande minaccia per le tartarughe marine, che possono rimanere soffocate.

In più, la plastica che rimane sulle spiagge può compromettere le nidificazioni: la sabbia in cui mamma tartaruga depone le sue uova, in presenza di frammenti di plastica non mantiene la stessa umidità e modifica la temperatura, con conseguenze sullo sviluppo della schiusa.

Per salvare le tartarughe marine basta un piccolo impegno quotidiano nella riduzione (eliminazione) della plastica: scegli prodotti plastic free, ad esempio non comprare frutta e verdura imballata o passa ad uno shampoo solido.

Non lasciare niente sulle spiagge o in mare, soprattutto sacchetti e altro in plastica.

Se vuoi dare un contributo maggiore informati sulle iniziative del tuo territorio e partecipa come volontario alle azioni promosse, come pulizia delle spiagge e soccorso degli animali nei centri di recupero.